Antdshow.gif (21311 byte)

"Il Senato per ragazzi"
online all'interno del vecchio sito del Senato della Repubblica.


HANNO SCRITTO

Sempre più Internet al Senato. Collegati decine di Parlamenti

...Un servizio, molto divertente, si distingue: "Il Senato per ragazzi". Sono pagine animate da un antico senatore romano e da un senatore dei giorni nostri: insieme accompagnano i navigatori più piccoli in un affascinante viaggio dentro l'istituzione. Con linguaggio accessibile, belle fotografie, domande complesse e risposte semplici, un vocabolario che spiega i termini più in uso nel lessico parlamentare i ragazzi possono appropriarsi di questa assemblea legislativa. Il modo migliore è iniziare dalla visita a Palazzo Madama, alle sue sale e alla sua storia.  

da "L'UNITA'" 8 Dicembre 1997  


  Una visita a fumetti nel sito del Senato riservato ai ragazzi

Il sito internet del Senato, disponibile online dall'inizio del '97, si è arricchito di una sezione informativa dedicata ai ragazzi. L'obiettivo è avvicinare i giovanissimi alle istituzioni, attraverso un media a loro molto gradito: il Web.
La grafica accattivante, su misura per i più giovani. La visita attraverso il "ramo alto" del Parlamento ha per guida il fumetto di un senatore dell'antica Roma e quello di un suo "collega" a noi contemporaneo.
Dopo l'introduzione di carattere storico ricca di aneddoti, i due fumetti guidano attraverso le stanze e i corridoi di Palazzo Madama, per farne ammirare i tesori architettonici. Poi spiegano i compiti delle due Camere del Parlamento e come si svolge il lavoro dei senatori. Attraverso i testi e un grafico di facile lettura viene poi descritto l'iter di una legge. E per decifrare il linguaggio giuridico è a disposizione un glossario molto completo.
Le nuove pagine Web del Senato si contraddistinguono per la chiarezza espositiva e per la grafica piacevole che sembra non togliere nulla alla velocità di caricamento.

da "SOLE 24 ORE" 30 gennaio 1998  


  Senato, nuovo Internet

Guadagna terreno, nel gradimento degli utenti, il sito Internet del senato. Gli accessi a www.senato.it crescono infatti mensilmente del 20-30% e nel mese di dicembre i contatti stati 1 milione e 400 mila.
In occasione del bilancio di un anno di attività tracciato ieri dal vicesegretario generale di Palazzo Madama, Carlo Pinzani, e da Mauro Fioroni responsabile del Ced del senato sono state illustrate anche le novità del sito.
...Particolare attenzione viene prestata ai giovani. Uno speciale programma, disegnato da Pasquale Martello, si rivolge ai ragazzi spiegando loro come funzionano senato e parlamento con la possibilità di visitare le stanze e l'aula guidati da un simpaticissimo senatore romano che saltella da un'immagine all'altra.  

da "ITALIA OGGI" 15 gennaio 1998  


  Il Senato si fa bello sulla Rete delle reti.

Una rivoluzione. E' questo, almeno secondo gli standard a cui ci ha abituato la pubblica amministrazione italiana, il senso di restyling deciso dalla struttura informatica del Senato per il sito Internet di Palazzo Madama. A un anno esatto dal suo "debutto" nel Cyberspazio, la presenza del Senato sulla Rete delle Reti è stata completamente rinnovata, nella veste grafica e nei contenuti, fino ad arrivare ad un livello qualitativo finalmente paragonabile a quello offerto dagli altri parlamenti europei.
...Le novità verranno ufficialmente presentate domani, alle 11, nel corso di una conferenza organizzata nella sala stampa di Palazzo Madama. E durante l'intera mattinata (dalle 9.30 alle 13.30) sarà possibile effettuare sessioni di "navigazione guidata", con l'assistenza dei responsabili sel sito. Sarà, inoltre, presentato e distribuito il floppy disk "Benvenuti al Senato", con informazioni, rivolte ai più giovani, sul funzionamento di Senato e Parlamento. Il dischetto, davvero interessante e ben realizzato, offre la possibilità di compiere una "visita virtuale" di Palazzo Madama in compagnia di un (quasi) vero senatore romano.
...Con una base di utenti che nello scorso novembre ha raggiunto il milone di contatti al mese, dunque, il sito del Senato è finalmente diventato una realtà importante nel processo di alfabetizzazione informatica del nostro paese.  

da "L'opinione" 13 gennaio 1998